I dubbi più frequenti sulla piscina condominiale

piscina_1200.jpg
Le regole per gli appartamenti in Spagna con piscine condivise
23 luglio 2019, Redazione

In Spagna ci sono più di un milione di piscine, di cui circa il 10% si trova in comunità di proprietari, sia in grattacieli che in case unifamiliari, secondo i dati del settore.

Senza dubbio, fare un tuffo nella piscina del vostro edificio è la migliore opzione per combattere le alte temperature, anche se diventa anche il fulcro del conflitto per molte comunità.

Per evitare che quest'area ricreativa diventi un nuovo mal di testa per i residenti, il Colegio Profesional de Administradores de Fincas de Madrid risponde a quelle questioni che suscitano il maggior interesse dei residenti.

La comunità deve stabilire un regolamento interno per l'uso delle piscine?

Oltre ai regolamenti autonomi o comunali che le associazioni di proprietari devono rispettare in materia di piscine, queste ultime possono avere un proprio regolamento interno che regola l'uso adeguato degli impianti e, in questo modo, si cerca di garantire una buona coesistenza.

Il presente regolamento, approvato a maggioranza semplice, deve essere collocato in un luogo visibile all'ingresso del recinto e fissa, tra l'altro, la capienza, l'abbigliamento (non si può entrare con le scarpe da strada), i pasti in spiaggia (giardino o marciapiede che circonda la piscina, orari di apertura e chiusura, orari dei corsi di nuoto e altre attività, ubicazione della cassetta di pronto soccorso (in un luogo visibile e facilmente accessibile), ecc.)

E' inoltre importante rispettare le condizioni igienico-sanitarie previste dalla normativa vigente (ad esempio, pulizia quotidiana degli impianti, corretta disinfezione dell'acqua, corretto utilizzo del cloro).

È obbligatorio avere un bagnino?

La normativa sull'obbligatorietà o meno del bagnino nelle piscine comunitarie varia a seconda del comune e della Comunità Autonoma. Nel caso della regione di Madrid, è obbligatorio assumere un bagnino nei complessi residenziali con più di 30 case.

Il numero di bagnini dipenderà anche dal numero di piscine e dalla distanza tra di loro.

Anche se, a seconda del numero di abitazioni, la comunità può essere esonerata dall'obbligo di avere un bagnino, è sempre consigliabile assumere un professionista che abbia sufficienti conoscenze in materia di bagnino e pronto soccorso accreditato dall'organismo competente. 

Questo professionista dovrà rimanere nelle strutture durante tutto il tempo di funzionamento delle stesse. Da qui l'importanza di stabilire un calendario per l'apertura e la chiusura della piscina.

La comunità può vietare al locatore che ha affittato l'appartamento di entrare nei locali?

Se l'immobile viene affittato, il proprietario e l'inquilino non potranno usufruire di questo servizio allo stesso tempo. Normalmente, salvo diverso accordo tra le parti, il locatore perde tutti i privilegi a favore dell'inquilino per quanto riguarda l'uso e la fruizione degli elementi comuni, come la piscina, anche se l'inquilino sostiene i costi delle quote sociali.

I proprietari morosi possono godersi la piscina?

C'è una discrepanza dottrinale al riguardo. La Direzione Generale dei registri e dei notai ritiene che, non trattandosi di un servizio o di un'installazione essenziale per l'abitabilità dell'abitazione, la comunità può approvare un regolamento statutario che vieta l'uso dei proprietari inadempienti e, quindi, dei loro inquilini.

Al contrario, i tribunali sono insoddisfatti di questa teoria perché comprendono che le comunità non hanno il potere sanzionatorio per privarle dell'uso di elementi comuni in caso di mancato pagamento, poiché la comunità ha i mezzi legali per farlo avviando un procedimento giudiziario per reclamare l'importo.

E' possibile mettersi in topless in piscina?

Non esiste una normativa che vieti, a priori, il topless. Tuttavia, la comunità può stabilire questa possibilità come regola del regime interno. 

Qual è la maggioranza necessaria per l'installazione di una grande piscina montabile nell'area verde?

Se l'installazione della piscina dura solo durante la stagione estiva e, una volta terminata, viene smontata, il contratto può essere adottato a maggioranza semplice. In questo caso, essendo considerata un'installazione non necessaria, i proprietari che non sono d'accordo non saranno obbligati a pagarla se l'importo supera le tre spese ordinarie mensili comuni.

D'altra parte, se l'impianto non viene smontato alla fine della stagione e rimane fisso tutto l'anno, l'accordo deve essere adottato all'unanimità in quanto è considerato una modifica di un elemento. Per le spese di installazione e manutenzione saranno a carico di tutti i proprietari obbligati al pagamento.

E' possibile fumare nelle aree del recinto destinate ai bambini?

La legge antifumo consente di fumare negli spazi all'aria aperta della comunità dei proprietari, ma non nei parchi giochi per bambini, come le piscine per bambini. Pertanto, ad eccezione delle aree per bambini, è consentito fumare nel resto delle aree della copertura per piscina.

La comunità è obbligata ad installare una rampa di accesso alla piscina su richiesta del proprietario disabile?

La comunità dovrà adattare gli accessi alla copertura della piscina e al vetro eliminando le barriere architettoniche se richiesto dal proprietario o occupante dell'abitazione con età superiore ai 70 anni o con disabilità, tenendo conto del limite economico previsto dalla legge, cioè che l'importo addebitato annualmente non superi i dodici pagamenti mensili ordinari delle spese comuni.

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Trova case in vendita e in affitto a lungo termine su idealista